In pubblicazione il 22 LUG 2016

La Maledizione di Montezuma

E…la diarrea del Viaggiatore. Cosa hanno in comune?...


Fonte Immagine: André Thevet

 

Correva l'anno l'anno 1519, quando Hernán Cortés conquistò  la terra e l’oro messicano  degli Atzechi, con l'uccisione dell'imperatore Montezuma, costretto a bere oro fuso. All'occupazione negli anni seguenti  seguì  una forte migrazione dal Vecchio Mondo. Molto spesso i nuovi coloni appena sbarcati venivano colpiti da forti da diarrea, dolori addominali e talvolta febbre. Tra i coloni si diffuse, in tal modo, la convinzione che questi sintomi fossero il risultato di una maledizione lanciata sui conquistadores da Montezuma prima di essere ucciso e il disturbo gastro-intestinale presse il nome di "Vendetta di Montezuma". In realtà la  Maledizione di Montezuma non è altro che una diarrea di tipo infettivo, nota anche come diarrea del viaggiatore. 

In effetti  ormai in estate sono in molti a scegliere come meta turistica i paesi tropicali per fare un coupon di sole e di luce.

Ma qui per il caldo i cibi vanno facilmente in avaria, specie nei paesi ove i mezzi di conservazione sono ancora approssimativi. Ecco perché molti vengono colpiti dalla “vendetta di Montezuma”, o meglio dalla  “diarrea del viaggiatore” ( 2-3 episodi al giorno), accompagnata di solito da crampi addominali, eruttazione, meteorismo e, talvolta, da nausea e vomito.

 Si manifesta di solito all’inizio del viaggio e  si risolve nell’arco di 3-5 giorni.  Il problema che affligge tra il 40  e il 60% dei viaggiatori, interessa soprattutto le persone che sono  più attenti all’igiene personale, nonché i giovani perché in genere incuranti delle precauzioni igieniche e i bambini con meno di 6 anni.


Oltre al caldo sul disturbo influisce anche lo scombussolamento del nostro metabolismo digestivo provocato dal cambiamento di fuso, dal cambiamento di clima e dallo stress da viaggio.

 I medici suggeriscono in questi casi una cura preventiva a base di un antibiotico, la rifaximina. Ma una volta che il disturbo si sia manifestato,  è opportuno bere molto (eventualmente con l’aggiunta di limone che è disinfettante e astringente),  bere anche bevande ricche di sali,  come i sali in bustina, i succhi di frutta, spremute oppure una vera soluzione salina, ottenuta aggiungendo a 1 litro di acqua  7 cucchiaini di zucchero  e uno di sale.

(tratto dal Libro “Dottore, mi male il tempo”  Autori, Mario .Giuliacci, Emanuela Giuliacci,  Paolo Corazzon .AlphaTest Editore)

 



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

22 FEB
Comunicato Stampa della Protezione Civile: allerta meteo. Mareggiate lungo le coste esposte
22 FEB
Dal caldo del freddo e poi dal freddo al caldo. Attenti ai raffreddori
22 FEB
Un vero e propio tracollo termico quello che ci attenderà nel fine settimana proiettandoci nell’Inverno più classico sopratutto al sud
22 FEB
Temperature altissime per la stagione
20 FEB
L'aeroporto era già stato chiuso in parte questa mattina