In pubblicazione il 22 LUG 2015

La sindrome da temporale

Tuoni, lampi, fulmini e…saette. Un esibizione di bellezza ma anche di violenza della natura. Ma per molti è una sofferenza


Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

 

I temporali estivi sul Centronord dell'Italia, come quelli, numerosi,m attesi per il fine settimana,  fanno parte della normalità del clima estivo della penisola.  La aree più temporalesche della penisola sono le regioni alpine, e le vicine aree della pianura padano-veneta. La massima frequenza si raggiunge allo sbocco delle grandi valli alpine ( come la Valle d’Aosta  e la valle dell’Adige)  o là dove, come il Friuli,  la più contenuta altezza della catena alpina, facilità le incursioni di aria fredda proveniente dal Nord Atlantico. E infatti sono queste aree ove di solito i temporali sono più violenti tanto da dare luogo talvolta  a trombe d'aria.

  Ma  per molte persone, quando la scura e minacciosa nube temporalesca si affaccia all’orizzonte, inizia un vero e proprio supplizio. Innanzitutto perché sono in molti coloro che soffrono di “ceraunofobia”, la paura dei tuoni e lampi.

In altri invece compare una serie di malesseri, come dolori alle articolazioni e ai muscoli, mal di testa, insonnia, stanchezza e persino attacchi di asma. Anche lo stato d’animo ne può risentire e nei 10-20 minuti che precedono l’arrivo della pioggia, depressione, malinconia e nervosismo prendono il sopravvento.

Disturbi legati in parte al calo della pressione atmosferica e in parte al fatto che poco prima dell’arrivo del temporale l’aria diviene fortemente elettrizzata, con una prevalenza però di ioni positivi, i quali hanno la brutta abitudine di stimolare nel cervello la produzione di serotonina, un neurotrasmettitore che quando è troppo abbondante rompe l’equilibrio che garantisce il nostro benessere.


 I disturbi durano fino allo scatenarsi dei lampi, che hanno il merito appunto di rimuovere dall’atmosfera le malefiche cariche positive. Anzi, in genere, all’arrivo delle prime gocce di pioggia, al nervosismo subentrano d'incanto, calma e benessere e ci sente addirittura su di tono.

In alcuni invece i lampi e i tuoni che accompagnano il temporale – fenomeni che colpiscono fortemente i sensi – scatenano appunto, come già detto,  vere e proprie crisi di panico, una paura che è l’eco probabile di terrori ancestrali, ma talvolta anche la probabile traccia lasciata nel subconscio da qualche trauma avvenuto in età infantile.

 

 



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

12 NOV
Nostro definitivo responso al 12 novembre 2018
pressione alla quota di 5500m alla ore 10.00 di lunedì 12 novembre
12 NOV
Solo due giorni su parte del Meridione
12 NOV
La settimana sarà caratterizzata dalla presenza dell’alta pressione che terrà lontane le perturbazioni e garantirà prevalenza di tempo stabile e mite
10 NOV
Le proiezioni dei modelli consentono di intravedere la fine del lungo periodo insolitamente mite, ma prima dovremo sopportare ancora per un po’ le temperature sopra la norma
12 NOV
Evacuate molte star a Malibu tra cui Lady Gaga
10 NOV
Barche affondate nel porto canale, ecco le immagini
10 NOV
Criticità idraulica che porta ad una soglia di attenzione elevata per queste zone con un allerta della protezione civile