In pubblicazione il 28 LUG 2015

Le bellissime nuvole Mammatus: cosa sono?

Le “mammatus” sono chiamate così per la loro forma simile a quella delle “mammelle”


Fonte Immagine: wordlesstech. com

 


Le nubi mammatus sono una tipologia di nube temporalesca che si può osservare anche in Italia. La loro formazione avviene tramite due processi simultanei: intense correnti ascensionali unite ad un alto tasso di umidità presente nei bassi strati. Le correnti ascensionali intense, sono capaci di trasportare alle alte quote dell’atmosfera ingenti quantità di vapore acqueo che quando attraversa strati più freddi nell’atmosfera condensa e favorisce lo sviluppo di imponenti nubi temporalesche con la caratteristica forma ad incudine. Da questi nuclei temporaleschi, precipitano sulla terra forti piogge, che hanno il compito di dissipare la maggior parte dell’umidità trasportata, e quindi di far “svanire” il temporale. Quando il temporale cessa, l’incudine inizia ad espandersi raggiungendo ragguardevoli distanze dalla struttura principale. L’espansione della nuvola su lunghe distanze e le temperature inferiori allo zero fanno cristallizzare il vapore acqueo ancora presente alle alte quote lungo tutto l’incudine, e dato il peso maggiore tendono a scendere verso il basso uscendo dal raggio della nuvola. Qui i cristalli trovano aria molto secca e fredda e di conseguenza sublimano all’istante, ritornando di nuovo allo stato gassoso. Questo ciclo di cristallizzazione e sublimazione, avviene lungo tutta la nuvola creando così le Mammatus. È probabile vedere mammatus soprattutto quando si parte da condizioni di aria estremamente umida nei bassi strati (afa estiva opprimente, ad esempio), si forma un temporale e ad alta quota non c'è troppo vento (altrimenti l'incudine si sfilaccia subito). Nell'immagine a lato le Nubi mammatus immortalate qualche giorno fa nelle Murge Brindisine da Fabio Cervone


Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

17 AGO
L'alta pressione dell'Anticiclone Nord-Africano scatenerà una nuova ondata di caldo, comunque meno intensa della precedente
16 AGO
L'avanzata dell'alta pressione africana porterà in alto le temperature nell'isola, e poi nei giorni successivi anche in altre regioni
15 AGO
Il graduale ritorno dell’alta pressione renderà il tempo stabile, senza far salire eccessivamente le temperature
Correnti a 5500m fino al 17 agosto
14 AGO
Meteo 14-22 agosto.  Inizia il fresco atlantico ma poi di nuovo il caldo. Alla fine torna l'Atlantico
9 AGO
Rogo a Faenza, ventilazione variabile e la nube di fumo si sposta a Sud Est.
9 AGO
Le correnti dai quadranti nord occidentali sospingeranno la colonna di fumo nero verso sud, sud-est in direzione della costa romagnola
9 AGO
Visibile da decine di chilometri la colonna di fumo nero. Fiamme dall’una di questa notte
8 AGO
In alcune zone del Pianeta i temporali sono particolarmente numerosi e i fulmini cadono molto più numerosi che altrove