In pubblicazione il 15 LUG 2021

Le trombe d’aria e i tornado in Italia. Tutto quello che dovreste sapere

I temibili mulinelli sull'Italia sono un evento estivo abbastanza frequente però per lo più su specifiche note aree. Decalogo di difesa dalle trombe d’aria...


Fonte Immagine: Pixabay modificata

Il termine “tornado” o “tromba d’aria” si riferisce in meteorologia una colonna d’aria in rotazione veloce su se stessa, che si allunga dalla base di un’imponente nube temporalesca (i cosiddetti cumulonembi) fino a toccare il terreno. È quasi sempre osservabile come un imbuto lungo e stretto la cui base ("proboscide") spazza vorticosamente il suolo con venti fino a 100-150 km/ora in Italia, fino a 200-300 km/ora in altre zone del Mondo e in particolare nelle Grandi Pianure degli USA.


Il fenomeno meteo più distruttivo

Val la pena specificare che “tornado” e “tromba d’aria” sono sinonimi ed è il fenomeno meteorologico dotato di maggiore potere distruttivo (più degli uragani). Per semplice abitudine, in Italia fenomeni del genere vengono chiamati trombe d’aria, in altre parti del mondo (come negli Stati Uniti) si preferisce usare l’espressione tornado (twister in inglese).Il nostro Paese non è immune da questi fenomeni: in Italia in media si verificano 40-50 trombe d’aria all’anno, solitamente concentrate tra l’estate e l’autunno. Le zone maggiormente colpite sono le aree pedemontane alpine, alla sfocio delle grandi vallate orientate Nord-Sud (Biellese, laghi lombardi, Valle dell'Adige) perché portano a contatto l'aria fresca atlantica addossata sul versante Nord delle Alpi, con l'aria umida e calda stagnante in Val Padana. Altre aree: le Venezie perché qui  le masse d'aria fresche riescono a scavalcare facilmente le Alpi Carniche, attraverso la "porta della Bora"; anche  il Ponente Ligure, le coste dall’alta Toscana e del Lazio, raggiunte dalle fresche correnti di Maestrale in arrivo dal Sud della Francia. Nelle  trombe  d’aria  “italiane” di  solito il mulinello ha un diametro di 50-150 metri, con  venti  che ruotano intorno al centro del mulinello alla velocità di 100-150 km/ora, mentre l’imbuto  si sposta insieme  alla nube temporalesca alla velocità di circa di 30-40 km/ora. Fortunatamente questi “mostri” meteorologici hanno durata breve (difficilmente oltre i 20 minuti), riuscendo così a  percorrere solitamente distanze limitate, in media 5-10 km.


Bassa probabilità, ma in alcune zone si rischia di più

I tornado che si formano in primavera invece in USA nella valle del Mississippi e soprattutto in una partcolare area denominata "Tornado Alley" (il viale dei tornado). sono molto più potenti almeno di un fattore 10, durano 1-2 ore, percorrono 100-150 km prima di morire, hanno al suolo una proboscide di 700-1000 metri. La maggiore violenza e grandezza dei tornado americani rispetto alle nostre "trombe" è dovuto al più forte contrasto termico nella Valle del Mississippi tra l'aria fredda che proviene dal Canada  e l'aria molto calda e molto umida proveniente dal Golfo del Messico. La rarità del fenomeno e la ristretta area da esso interessata fanno sì che la probabilità che un dato luogo sia investito da una tromba d’aria risulti molto bassa, dell'ordine di un decimillesimo in un anno (come dire che nel corso di almeno 10.000 anni quella località potrà credibilmente essere colpita da una tromba d'aria). Ecco perché è molto difficile osservarne anche solo una in tutta la vita. Sono invece in proporzione più frequenti le trombe marine, che in Italia si osservano soprattutto tra la fine dell’estate e l’inizio dell’autunno. Le zone più colpite sono l’Alto Adriatico (in particolare il tratto di mare di fronte alla Venezia Giulia), le coste abruzzesi, lo Stretto di Messina, i litorali laziali e il Mar Ligure, in particolare il Golfo di La Spezia.

Ecco infine un decalogo su come comportarsi di fronte ad  una tromba d’aria:

  1. stare lontani da porte e finestre, facilmente frantumate dalla violenza del vento;
  2. non rifugiarsi in mansarda perché il tetto viene di solito divelto dalla furia del vento;
  3. rintanarsi ai piani più bassi;
  4. staccare luce e gas per evitare corti circuiti e perdite di gas, per i danni provocati dal vento;
  5. non toccare i rubinetti dell’acqua perché i fulmini del temporale che genera la tromba, si propagano attraverso le condutture metalliche;
  6. stare lontani da alberi, pali alti, strutture metalliche, distese liquide, perché attirano fulmini;
  7. non ripararsi a ridosso dei muri perimetrali di case o strade perché possono crollare sotto la spinta del vento;
  8. non rifugiarsi in strutture prefabbricate (ad esempio capannoni)

 

VI CONSIGLIAMO ANCHE QUESTI NOSTRI ARTICOLI

AGGIORNAMENTO METEO, dopo la fase temporalesca tornerà il CALDO AFRICANO

Secondo VOI, l'estate sta davvero diventando una SOFFERENZA?

Europei di CALCIO, previsioni PERFETTE per una GRANDE ITALIA!

L'ESTATE ci rende PIGRI, lo dice anche la Scienza

La fine del caldo è realtà, africano debellato. Ora TEMPORALI violenti e GRANDINE

Meteo MILANO, nei prossimi giorni un po' di INSTABILITA?, poi torna il CALDO

Quando il CALDO rende l'estate una vera SOFFERENZA

La domanda che TUTTI SI FANNO: sarà più CALDO Luglio o Agosto?

L'ESTATE ci rende tutti PIU' PIGRI: vi spieghiamo perchè

PAZZESCO, con il Global Warming in futuro più DANNI dalle GELATE TARDIVE

VARIANTE DELTA, numeri in aumento: c'è da PREOCCUPARSI?

INCREDIBILE: a causa del cambiamento climatico torneremo alla PREISTORIA

Le ondate di CALDO KILLER dell'era moderna

 

 



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

27 SET
Per "critica" intendiamo con POSSIBILE rischio fenomeni estremi (trombe d'aria, alluvioni lampo, medicane...)
27 SET
Alta pressione lontana e correnti atlantiche protagoniste in una settimana dalle caratteristiche di inizio autunno
27 SET
Assisteremo a un’abbondanza di piogge su tutto il paese e ad un graduale calo termico
23 SET
Corsa contro il tempo per salvare le banane, il 50% del PIL dell'isola
19 SET
Una serie di vortici registrati dagli esperti.
7 SET
La quasi totale assenza di precipitazioni da inizio Estate e una precedente carenza storica di piogge primaverili hanno causato una delle Estati più secche di sempre nella regione dell’Emilia-Romagna