In pubblicazione il 20 GEN 2016

"Nel 2050 più bottiglie di plastica che pesci negli oceani"

Allarme scienziati: ogni minuti in mare quattro camion zeppi di spazzatura


Fonte Immagine: web

 


Secondo uno studio pubblicato sul World Economic Forum nel 2050 sarà riversata ogni minuto nei mari una quantità pari a quella di quattro camion zeppi di spazzatura. E così in mare potrebbero trovarsi addirittura più bottiglie che pesci! Secondo questo studio circa il 32% degli oggetti di plastica a livello globale sfugge ai sistemi di raccolta e viene abbandonata in natura. La pulizia degli oceani dalla plastica deve iniziare dalle coste e non dalle "isole" di immondizia come la "Great Pacific garbage patch", la mega-area di spazzatura nel Pacifico, una delle cinque maggiori al mondo. A suggerirlo è uno studio dell'Imperial College di Londra, pubblicato sulla rivista Environmental Research Letters. L'allarme sulla popolazione ittica degli oceani è stato lanciato anche da uno studio recente dell'Università di Adelaide, in Australia. I ricercatori hanno preso in esame l'impatto del cambiamento climatico sugli ecosistemi marini e sulle specie che li abitano, concludendo che entro il 2050 si rischia un'estinzione di massa. E' stato osservato che le catene alimentari degli oceani di tutto il mondo sono a rischio crollo a causa delle emissioni di gas serra, della pesca intensiva e dell'inquinamento localizzato. Fonte TGCOM


Fonte Articolo: Andrea Raggini

ULTIMI ARTICOLI

22 OTT
Diverse parentesi di maltempo in vista, ma non mancheranno anche momenti più stabili con spazi sereni
Radar meteo alle oltre 19.10 di domenica 21 ottobre (Protezione Civile)
22 OTT
I forti venti dovuti al passaggio di una dry line da Bora
22 OTT
Dopo questo primo cambio di registro, in cui ci sarà un po’ di tempo per respirare, ne arriverà uno più profondo nella giornata di venerdì
22 OTT
Ecco le temperature massime raggiunte quest'oggi
22 OTT
In 50 minuti tre scosse di magnitudo oltre il sesto grado
22 OTT
Una fenomenologia sempre più accentuata dal riscaldamento globale ormai fuori da ogni logica