In pubblicazione il 20 MAG 2018

Quattro uragani che non vedremo mai più

L’Organizzazione Mondiale della Meteorologia ha ritirato dalle liste ufficiali il nome di quattro uragani che nel 2017 hanno causato molti danni e vittime


Fonte Immagine: NASA

 

I nomi che di anno in anno vengono assegnati agli uragani che si formano nell’Atlantico sono pescati dai sei liste ufficiali, che si ripetono ogni sei anni. Ogni anno quindi viene utilizzata una lista, all’interno della quale si alternano nomi maschili e nomi femminili. Ma esattamente come capita per le maglie dei calciatori che hanno fatto la storia di una squadra, il nome degli uragani più importanti, quelli che hanno causato danni e vittime tali da diventare di portata storica, vengono ritirati e sostituiti da un altro nominativo con la stessa lettera iniziale. In passato è già capitato per Katrina, Mitch e Wilma, nomi che non sentiremo mai più associati a un uragano, in modo che nella memoria di tutti Katrina rimanga quel violento ciclone tropicale che nel 2005 allagò New Orleans.

Ebbene quest’anno l’Organizzazione Mondiale della Meteorologia ha deciso di sostituire nelle liste ufficiali i nomi di quattro degli uragani che nel 2017 hanno solcato le acque dell’Atlantico: si tratta di Harvey, Irma, Maria e Nate, che lo scorso anno hanno prodotto enormi danni e numerosissime vittime. Così al loro posto nel 2023, quando verrà nuovamente utilizzata la corrispondente lista, troveremo rispettivamente Harold, Idalia, Margot e Nigel.


Dagli anni ’50 sono quindi 87 i nomi di uragani ritirati dalle liste e sostituiti con altri nominativi. Il primo fu Carol, dopo che nell’agosto del 1954 l’omonimo uragano causò tra USA e Canada ben 60 vittime e danni per circa 500 milioni di dollari, mentre l’annata che ha portato al maggior numero di sostituzioni è il 2005: dopo quella stagione eccezionale vennero infatti ritirati ben 5 nomi, ovvero Dennis, Katrina, Rita, Stan e Wilma (rimpiazzati rispettivamente da Don, Katia, Rina, Sean e Whitney).



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci

ULTIMI ARTICOLI

23 MAR
Dal caldo estivo al freddo invernale in 24-36 ore
23 MAR
Aria fredda in discesa dalla Scandinavia entra nel Mediterraneo dai Balcani
23 MAR
Temperature in sensibile aumento con punte di 24°C: ottimo clima per le classiche gite domenicali
22 MAR
Grave crisi idrica su Piemonte, la Lombardia, il ponente ligure e la Toscana. Qualche dato statistico
23 MAR
Raffiche a 250 km/h ed onde alte 13 metri!
20 MAR
Spunta il sole sull'Europa e la linea dell'ombra è bella dritta dal Polo all'Equatore: foto scattata dal satellite
20 MAR
Nel riminese migliaia di pesci morti