In pubblicazione il 13 MAR 2016

Voli più turbolenti con il clima del futuro

A causa del Global Warming aumenterà la turbolenza atmosferica e i voli, specie quelli su rotte lunghe, rischiano di diventare assai meno confortevoli


Fonte Immagine: Col. Mario Giuliacci

 

Fra qualche anno, forse, durante i voli transatlantici ci toccherà passare ore interminabili con le cinture allacciate e rassegnarci a veder volare antipatiche gocce di caffè sui camicia a pantaloni: secondo uno studio inglese pubblicato di recente sulla rivista Nature entro la metà del secolo infatti la turbolenza in quota aumenterà notevolmente rendendo i voli tra Europa e America assai meno confortevoli e sicuri.

La colpa? Sempre sua, del Global Warming: secondo gli studiosi britannici infatti se le temperature medie planetarie continueranno a crescere al ritmo degli ultimi decenni, al di sopra dell’Atlantico si osserverà un aumento dal 10% al 40% l’intensità della turbolenza atmosferica, mentre gli episodi di turbolenza cui andranno incontro i velivoli sulle rotte principali crescerà addirittura del 170% (quindi quasi il triplo rispetto agli episodi attuali)!


Insomma entro il 2050 le principali rotte di collegamento fra Europa e America potrebbero diventare eccessivamente rischiose costringendo le compagnie aree a cercare percorsi alternativi ma anche, per forza di cose, meno convenienti, con un inevitabile aumento dei costi di trasporto.

 



Fonte Articolo: Col. Mario Giuliacci
Tags: 

ULTIMI ARTICOLI

23 MAR
Dal caldo estivo al freddo invernale in 24-36 ore
23 MAR
Aria fredda in discesa dalla Scandinavia entra nel Mediterraneo dai Balcani
23 MAR
Temperature in sensibile aumento con punte di 24°C: ottimo clima per le classiche gite domenicali
22 MAR
Grave crisi idrica su Piemonte, la Lombardia, il ponente ligure e la Toscana. Qualche dato statistico
23 MAR
Raffiche a 250 km/h ed onde alte 13 metri!
20 MAR
Spunta il sole sull'Europa e la linea dell'ombra è bella dritta dal Polo all'Equatore: foto scattata dal satellite
20 MAR
Nel riminese migliaia di pesci morti